Produzione Film "Un uomo e una voce"

Realizzazione lungometraggio su Beniamino Gigli

Il cliente

Giuseppe Conti Film è il regista e produttore del film “Un uomo e una voce” dedicato alla figura di Beniamino Gigli, uno dei cantanti d'opera più celebri del ventesimo secolo.

La trama

Un popolare borgo, padre ciabattino e madre casalinga, insieme cantano nenie.
Beniamino cresce in una decorosa povertà con altri cinque fratelli. A l'età di sei anni vede il padre costretto a cambiare lavoro, diventare il campanaro della Cattedrale. Beniamino entra a far parte del coro della Cattedrale di San Flaviano, la sua voce emerge su tutte, incanta i fedeli in chiesa. Fa conoscenza con l'anziano prete della Cattedrale, don Romano, alla sera fanno passeggiate fino al Colle dell'Infinito, l'anziano sacerdote da la consapevolezza a Beniamino di essere nato nella città del grande poeta Giacomo Leopardi. Durante il periodo delle vacanze estive, Beniamino, viene mandato dal padre a imparare un mestiere, ma senza successo. A l'età di dodici anni finisce la scuola dell'obbligo. Inizia a lavorare come inserviente presso la farmacia del Dott. Verdecchia. Consegna a domicilio, intrugli, giugiole, con un carrettino trainato con una cinghia di cuoio e canta per le vie della città. Alcuni universitari di Macerata lo sentono cantare in chiesa, gli offrono la parte in uno spettacolo, " La fuga di Angelica " deve cantare da soprano, vestirsi da donna. Dopo alcuni impedimenti da parte dei genitori, ottiene la parte, è un successo. In una taverna, con campo di bocce, conosce un cuoco bolognese che lavora in un seminario a Roma, lo convince a trasferirsi a Roma dal fratello, gli promette grandi aiuti, che non si avvereranno mai. Arrivato a Roma manca l'ammissione alla Schola Cantorum di don Lorenzo Perosi. Si ritrova a fare l'inserviente in farmacia, soffre la fame, mangia "pezzetti"di scarti di carne divisi con il fratello Catervo . Inizia a studiare canto privatamente con il prof De Stefani, paga venti lire al mese. Trova lavoro come domestico presso la contessa Spannocchi, gli sarà di grande aiuto in molte occasioni. Una nuova insegnante di canto disposta a fargli credito, la prof.ssa Agnese Bonucci. Viene chiamato alle armi, conosce il suo primo amore, Ida, si frequentano tra via Nazionale e il Pincio . Scoppia la guerra di Libia, la sua ugola lo salva dal fronte. L'amore con Ida annega nel distacco. Vince il concorso a l'Accademia Santa Cecilia, inizia il suo successo. Alla sera canta sotto falso nome nel palazzo della contessa Spannocchi alla presenza del gran mondo romano. Ricevimento di fine corso Beniamino canta "O Paradiso" dall' Africana di Meyerber, tra la folla cicalante del gran mondo, siede silenziosa una donna vestita in modo umile, la mamma Ester, scoppiano applausi, il m° Rosati con voce greve si rivolge a Beniamino " Ora sei pronto per affrontare il mondo ". Immagini di repertorio Beniamino canta nei teatri più famosi del mondo. Canta sulla nave che lo riporta in Italia per i connazionali la canzone "mamma", l'arrivo alla villa l'abbraccio con la madre, i coloni lo festeggiano, canta "Se vuoi goder la vita". Le radio danno il triste annuncio, Beniamino Gigli è morto.

Trailer del film


Gli obiettivi

La scelta di aver coinvolto il "nostro" Daniele Donati per la fotografia del film è dipesa per lo più dall'idea del regista di realizzare l'intero film utilizzando solo una focale 50mm e basarlo sulle simmetrie dell'immagine e le esperienze acquisite da Daniele in questo campo sono indiscutibili.
Altro punto di forza del film è stata la registrazione in diretta dell'audio in Dolby 5.1 realizzata magistralmente dal "nostro" Francesco Sardella in qualità di direttore del suono.
 
Cliente

Giuseppe Conti

Sei interessato a questo servizio o vuoi scoprire cosa possiamo fare per la comunicazione della tua attività?

Contattaci per telefono o scrivi un’e-mail.

328.7310369 diegociarloni@kontagio.eu